Colacem: rinnovo AIA e conferenza dei servizi. Il punto dopo la riunione della Commissione Ambiente

Colacem: rinnovo AIA e conferenza dei servizi. Il punto dopo la riunione della Commissione Ambiente

4 Giugno 2021 0 Di Redazione

Si è riunita ieri, in modalità online, la Prima Commissione Consiliare Permanente del Consiglio Comunale di Galatina per discutere sull’ordine del giorno: “Colacem: aggiornamenti su rinnovo AIA e conferenza dei servizi”. Al termine dei lavori, l’unica certezza è che ancora per mesi continuerà la diatriba tra ambiente, salute e lavoro quando, invece, esistono tutti gli elementi per una proficua azione sinergica per il miglioramento in tutti e tre gli ambiti.

“Pochi mesi dopo il rinnovo, nel 2018, dell’AIA a Colacem, la Regione Puglia invia una nota al titolare del procedimento amministrativo, la Provincia di Lecce – spiega Paolo Pulli, consigliere comunale del M5S e uno dei firmatari della richiesta di convocazione della Commissione Ambiente – la posizione della Regione solleva un dubbio sul ‘principio di precauzione’ a maggior tutela della salute pubblica. Per questo motivo, il Comune di Galatina decide di affidare all’avv. Vantaggiato il compito di proporre ricorso amministrativo. Da questa richiesta scaturisce la decisione del giudice di considerare il principio di precauzione come garanzia non solo in senso scientifico ma anche in senso generale, e per questo motivo rimanda la questione all’esame di un collegio e nomina 3 CTU”.

Quali elementi hanno portato il Comune di Galatina ha muovere ricorso? Quale aspetto tanto preoccupante solleva la nota della Regione tale da far decidere al Comune di fare ricorso?

Nessuna risposta da parte del Sindaco Marcello Amante, anzi, “la risposta è rimandata all’analisi della documentazione prodotta dai tecnici di parte nominati dallo stesso Comune – aggiunge Paolo Pulli – posso anticipare che, sostanzialmente, ricalcano le osservazioni della Regione, centrate su problematiche inerenti la matrice delle acque”.

Aver innescato questa revisione del processo amministrativo autorizzativo nei confronti di Colacem non concretizza un reale rischio di fermo degli impianti con le inevitabili ripercussioni produttive ed occupazionali?

Secondo quanto dichiarato dal Sindaco Amante in sede di lavori della Commissione Ambiente “elementi che portino a dire che debba essere fermato l’impianto non ce ne sono”.

“Rimane quindi in piedi l’interrogativo principale – continua il consigliere Pulli – perché se non si ravvedono rischi il Comune è ancora attivo nel ricorso e non lo ritira? D’altronde non è chiaro quali migliorie intendano proporre i tecnici di parte. Anzi, la posizione di quest’ultimi pare non propositiva. A conferma di questa impressione, da notare che è la Colacem ad aver chiesto la convocazione della Conferenza dei Servizi per oggi 4 giugno al fine di proporre delle ‘modifiche non sostanziali’ dell’autorizzazione attualmente in corso. A parere del Sindaco non sussistono problemi ambientali di sorta con Colacem che è stata impegnata ed è impegnata nel migliorare lo stabilimento. Stante questa situazione, non è chiaro, però, perché il Comune di Galatina non prenda atto dell’evoluzione in meglio e non agisca di conseguenza”.