Bando Start per lavoratori spettacolo, Pagliaro (LPD): “Finalmente online il 10 maggio”

Bando Start per lavoratori spettacolo, Pagliaro (LPD): “Finalmente online il 10 maggio”

30 Aprile 2021 0 Di Redazione

“Il 10 maggio sarà online l’avviso pubblico Start 2021. La notizia è stata data oggi dall’assessore Leo in VI Commissione, e ne siamo contenti perché finalmente possiamo dare risposta alle sollecitazioni dei tanti lavoratori dello spettacolo fermi da oltre un anno, che attendevano con ansia la pubblicazione di questo bando. A sportello, sarà possibile richiedere il contributo di 2mila euro previsto. Una boccata di ossigeno per chi non incassa un euro dall’inizio della pandemia” – dichiara il consigliere regionale Paolo Pagliaro, capogruppo La Puglia Domani.
“Ci è stato garantito che gli uffici regionali si stanno impegnando al massimo per accelerare i tempi, e questo ci conforta perché la burocrazia diventa spesso un ostacolo – aggiunge Paolo Pagliaro – fare in fretta è necessario per dare finalmente ristoro a lavoratori e famiglie letteralmente piegati da questa crisi. Lo spettacolo e la cultura meritano la massima attenzione in questo momento, perché è da questi settori che può ripartire la nostra economia. Ci sono comparti che hanno patito più degli altri, e i lavoratori con partita iva sono i più provati, schiacciati dalla immobilità. Ma turismo e cultura hanno bisogno di programmazione, ed è per questo che ho approfittato della presenza dell’assessore Bray per sottoporgli il paradosso dei nuovi collegamenti Rayanair attivati all’Aeroporto del Salento: 7 voli, tutti per località turistiche e balneari non italiane, peraltro competitor delle nostre, e neppure un volo di incoming. L’assessore ha chiarito che Puglia Promozione sta costruendo un rapporto di collaborazione con Aeroporti di Puglia per sostenere il marchio Puglia, ma le scelte strategiche vengono condivise con altre strutture di riferimento dirette. Quindi solleciteremo un’attenzione mirata da parte della società che gestisce i nostri aeroporti, affinché non diventino comodi corridoi di passaggio ma punti di approdo per i flussi turistici”.