Gli agenti del Commissariato di Galatina scoprono un’officina adibita all’assemblaggio di auto rubate

Gli agenti del Commissariato di Galatina scoprono un’officina adibita all’assemblaggio di auto rubate

19 Luglio 2021 0 Di Redazione

Gli Agenti del Commissariato di P.S. di Galatina e della Squadra Mobile della Questura di Lecce hanno deferito in stato di libertà un 56enne di Cutrofiano, proprietario di un deposito, poiché ritenuto responsabile del reato di ricettazione. Negli ultimi mesi, la Squadra Mobile, unitamente al personale dei Commissariati della Provincia e con l’ausilio della Polizia Stradale, ha effettuato in diversi comuni delle mirate attività di indagine volte a contrastare il sempre più dilagante fenomeno dei furti di autovetture.

Nel corso di tale attività, nel Comune di Cutrofiano, eseguivano un controllo ad un deposito adibito ad officina/autocarrozzeria non autorizzata, all’interno del quale gli agenti rinvenivano, in un’area parzialmente delimitata da un cancello scorrevole, un’autovettura marca Land Rover modello Range Rover, sprovvista di entrambe le targhe, con vetro posteriore destro infranto e parte del cruscotto già parzialmente smontata, che agli accertamenti di rito risultava compendio di furto avvenuto in data 07/07/2021, in località Ugento (Le).

Il personale della Polizia di Stato ha quindi provveduto ad identificare il proprietario presente sul posto, il quale dopo un tentativo di sviare l’attività di P.G. ammetteva la provenienza illecita del suddetto veicolo nonché di ulteriori parti meccaniche e di carrozzeria di altri veicoli, sempre oggetto di furti, consegnatigli a suo dire da alcuni soggetti che conosceva solo di vista e riferendo di aver esclusivamente il compito di smontare i veicoli che gli venivano di volta in volta recapitati, di consegnare le parti che sarebbero poi state immesse nel mercato illecito della vendita dei veicoli ed, infine, di disfarsi delle parti non “ricettabili” e dei telai, previa rimozione di qualsivoglia codice o elemento identificativo necessario all’esatta individuazione.

A conferma di ciò, nel piazzale antistante l’autofficina, all’interno di un furgone intestato all’uomo erano stipate parti di carrozzeria di dubbia provenienza, tagliate in vari pezzi, riconducibili, senza alcun dubbio, a due autovetture modello Fiat 500 Abarth 595 e Fiat 500 X. Inoltre, nel medesimo piazzale, all’interno di un furgone di colore bianco marca Renault modello Master, sempre di sua proprietà, era custodito il tetto modello cabrio di una Fiat 500.

Ad ulteriore conferma dell’attività illecita, si riscontrava la presenza di diversi banconi da lavoro su cui erano adagiati attrezzi tipici da officina solitamente utilizzati per il “taglio” della carrozzeria, nonché gru idrauliche mobili per il sollevamento dei motori, mentre sull’intera area interna ed esterna sono stati ritrovati parti di telai con evidenti tagli da flex, parti meccaniche e cablaggi elettronici, parti di tappezzerie, cruscotti e sedili, numerosi pneumatici montati su cerchi, svariati gruppi ottici e comunque tutti privi di elementi identificativi.

Tutto il suddetto materiale è stato sottoposto a sequestro, ad eccezione dell’autovettura Land Rover modello Range Rover Sport HSE restituita al legittimo proprietario.