Un mercatino della tradizione popolare in occasione della ricorrenza delle festività patronali

Un mercatino della tradizione popolare in occasione della ricorrenza delle festività patronali

13 Giugno 2021 0 Di Redazione

A Galatina, in occasione della ricorrenza delle festività dei Santi Patroni SS. Pietro e Paolo nei giorni 28, 29 e 30 giugno p.v., si realizzerà un “mercatino della tradizione popolare” per la vendita dei prodotti tradizionalmente legati alla festa patronale, nel rispetto delle prescrizioni e condizioni indicate nelle linee guida governative a garanzia e salvaguardia della salute pubblica.

L’iniziativa, decisa con delibera di Giunta n. 145 del 08.06.2021, permetterà alle attività inserite nell’apposito elenco, in particolare nel settore della frutta secca, dolciumi, giocattoli, articoli religiosi e articoli della tradizione locale, di animare il Mercatino Straordinario che si insedierà tra Via Principe di Piemonte e Piazza Alighieri.

Inoltre, al fine di valorizzare l’artigianato locale sarà individuato uno spazio espositivo nel quale artigiani locali esibiranno la lavorazione dei propri prodotti ed opere. Tutti gli operatori saranno esentati dal pagamento dei tributo unico.

Da Galatina giunge quindi un segnale concreto verso gli operatori del commercio itinerante, specializzati nelle feste patronali, fiere e sagre, le cui attività sono sospese da ben 15 mesi.

Allo stesso modo si intende contribuire al ritorno ad una ordinarietà di vita per tanto tempo sacrificata.

“Abbiamo voluto dare un concreto segnale nella direzione della ripartenza, con l’auspicio che per tutte le categorie produttive il futuro sia proficuo e sereno” – dichiara il Sindaco di Galatina Marcello Amante. Mentre, Nico Mauro, Assessore alle Attività Produttive, spiega che “la collaborazione istituzionale con la Regione Puglia si esplicita in questa iniziativa e consente a molti operatori delle feste di iniziare ad immaginare un futuro diverso all’insegna della fiducia. Il progetto per Galatina è un esempio per la ripartenza di tutto il settore duramente colpito dalla pandemia”.

Foto in copertina di Pierluigi Luceri