PD Galatina: “I lavori di viale Don Bosco? Dimostrazione evidente del cattivo uso dei soldi dei cittadini”

PD Galatina: “I lavori di viale Don Bosco? Dimostrazione evidente del cattivo uso dei soldi dei cittadini”

7 Aprile 2021 0 Di Redazione

Dopo la segnalazione di Galatina24 sui nuovi lavori per la sistemazione del manto stradale di viale Don Bosco, documentata dalle foto realizzate al termine degli interventi di ieri mattina, il locale circolo del Partito Democratico, che in precedenza aveva denunciato la pessima realizzazione dell’opera, si chiede: “con la liquidazione delle somme sono state o saranno trattenute quelle relative all’utilizzo dei materiali inadeguati?”.

Gli esponenti del PD, infatti, sottolineano che dalla lettura del contratto sottoscritto tra la Ditta e il Comune di Galatina hanno constatato che “il costo sostenuto dai contribuenti per la sistemazione del viale, con l’espianto dei pini e la loro sostituzione con alberi meno invasivi, la rimozione delle radici di superficie e il rifacimento dell’asfalto, ammonta a 114.790,40 euro e che al Bando di gara ha partecipato una sola ditta, la Franco srl di Caprarica di Lecce. Il ribasso di gara è stato pari all’1 per cento, uno sconto esiguo, essendo la ditta la sola a concorrere, ma di cui siamo contenti, perché, come succede quando le diminuzioni sono a due cifre, a pagare sono spesso i lavoratori; in questo caso, almeno si spera, sono stati salvaguardati i diritti economici e sindacali e non hanno dovuto pagare dazio per l’eccessivo ribasso”.

E’ importante segnalare che, sempre nel contratto sottoscritto, si legge che “nel caso di uso di materiali migliorativi, nulla è dovuto in aumento, mentre, nel caso i materiali risultassero di qualità inferiore a quelli richiesti, verrà applicata un’adeguata riduzione del prezzo – evidenziano dal Partito Democratico – ieri mattina, alcuni operai della ditta Franco hanno provveduto a mettere qualche pezza, ma i problemi non sono finiti e lungo il percorso persistono segni di deterioramento del manto stradale. Il trattamento con diserbanti dell’erba cresciuta a lato, soprattutto in prossimità dell’Asilo ‘Gianni Rodari’,  non è sufficiente a risolvere il problema. Soltanto il ripristino dei sottocordoli in cemento può dare garanzie per il futuro e in tantissime strade della nostra Città, anche quelle prospicienti, la loro presenza ha impedito la crescita di erbe infestanti”.

Infine, i rappresentanti del PD di Galatina precisano poi che “la realizzazione degli 800 metri di asfalto di viale Don Bosco è in netto contrasto con quello della tangenziale ovest, dove la strada si innesta, il cui manto stradale, realizzato già da alcuni mesi, non presenta alcun segno di cedimento. E’ proprio il caso di dirlo: i lavori di viale Don Bosco sono la dimostrazione evidente del cattivo uso dei soldi dei cittadini”.